E' Max Verstappen show al Gran Premio del Brasile. Il pilota olandese incanta sul tracciato di Interlagos, ma vede sfumare la vittoria per colpa di una manovra scellerata di Esteban Ocon che, nel ridicolo tentativo di resistere al doppiaggio, lo manda in testacoda mentre era al comando. Eroica la reazione di Verstappen che chiude al secondo posto dietro al fortunato Lewis Hamilton. 

Per la Ferrari e Sebastian Vettel le qualifiche sul tracciato di Interlagos si concludono ben oltre la bandiera a scacchi, con la conferma del secondo posto in griglia (a meno di un decimo dalla prestazione di Lewis Hamilton) e con una posizione di potenziale vantaggio competitivo nella giornata di domani, data dall'aver ottenuto il tempo buono nel Q2 con le gomme gialle e quindi potendo partire per la gara con il composto da asciutto di durezza intermedia tra quelli disponibili. Ci sono volute almeno due ore di discussione con i giudici di pista per dirimere la questione della procedura infranta durante le operazioni di peso, il cui risultato è la conferma della prestazione in qualifica, una reprimenda e una multa di 25'000 euro.

Al termine delle qualifiche del GP del Brasile il più veloce è risultato Lewis Hamilton, che grazie al tempo di 1:07.281 si è guadagnato la pole position nella gara di domani. Il fresco cinque volte campione del mondo, oltre a far notizia per la sua decima pole stagionale, ha scatenato anche polemiche per aver ostacolato Sergey Sirotkin nel corso del Q2, con il russo costretto ad una manovra istintiva per evitare il contatto.

Dopo un rincorrersi di voci tra conferme ed indiscrezioni, nel paddock di Interlagos è arrivata l'ufficialità: Fernando Alonso sarà ai nastri di partenza dell'edizione numero 103 della 500 Miglia di Indianapolis. Ad annunciarlo è stata la McLaren che, però, non ha rilasciato nessun ulteriore dettaglio sulla partecipazione dell'asturiano alla storica corsa americana.

Venerdì ricco di spunti di riflessione a San Paolo. Tra le notizie di giornata,  la più importante è quella che sembra ridare credito alla possibilità di rivedere Robert Kubica come pilota ufficiale per il prossimo anno al volante della Williams. Ma le alternative per il polacco potrebbero non mancare, ed ecco dunque aprirsi varie opzioni ed avvicinarsi il momento della scelta. 

Altri articoli...

Ascolta Radio LiveGP

LiveGP Communication

Advertisement

Utilizziamo i cookies in questo sito per migliorare la tua esperienza di navigazione.

Cliccando su qualsiasi collegamento di questa pagina ci darai il tuo consenso per utilizzare i cookies