La fortuna sorride a Lewis Hamilton in una gara che si prospettava difficile ed in difesa. Ma il pilota inglese oltre ad approfittare della buona sorte gestisce in testa fino alla fine una gara impeccabile senza alcuna incertezza e combattuta a distanza con Daniel Ricciardo a colpi di giri veloci con una sicurezza che solo lui sa mostrare in gestione gara.

La pole position di Sebastian Vettel a Marina Bay è un concentrato di grinta, determinazione, fiducia nel mezzo. Una prova di guida magistrale che respinge l'assalto della Red Bull mai così in forma in questa stagione e approfitta della giornata no di Hamilton. L'emozione del pilota tedesco al termine della sessione testimonia la tensione di un weekend importantissimo per la lotta iridata.

Un'altra tessera del mosaico va al suo posto. Valtteri Bottas nel 2018 sarà ancora un pilota Mercedes al fianco di Lewis Hamilton. La conferma ufficiale è arrivata pochi minuti fa, attraverso un comunicato diramato dal team di Brackley e diffuso tramite i canali Social. Il finlandese, arrivato nella scuderia campione del mondo in sostituzione di Nico Rosberg, ha finora conquistato due vittorie in questa stagione, totalizzando complessivamente 197 punti che lo pongono al terzo posto in classifica piloti.

E’ stato sicuramente un GP d’Italia molto particolare quest’anno. Arrivato a Monza da leader del campionato, Sebastian Vettel è stato, insieme a tutta la Scuderia Ferrari, l’idolo indiscusso del weekend brianzolo. A regalare spettacolo però al numeroso pubblico accorso per l’occasione non è stato nessuno dei due ferraristi, bensì Daniel Ricciardo, autore di una rimonta che lo ha portato dalla sedicesima piazza di partenza al quarto posto finale.

Con una nota ufficiale sul proprio sito, Renault Sport ha annunciato l'ingaggio del pilota spagnolo Carlos Sainz jr. Il ventitreenne attualmente in forza alla Scuderia Toro Rosso, junior team di Red Bull, è alla sua terza stagione in Formula 1, dopo aver trionfato nelle categorie minori. Sempre seguito nel suo percorso da Red Bull, il figlio d'arte ha deciso di intraprendere una nuova avventura firmando per la scuderia francese.

La stagione di Formula 1, con i Gran Premi di Spa e Monza, è entrata più che mai nella fase decisiva con una successione di appuntamenti extraeuropei che porteranno alla tappa finale di Abu Dhabi. Ma oltre che in pista, le attenzioni dei team sono rivolte anche al tavolo delle trattative, con tutte le scuderie di metà e fondo griglia impegnate nella sistemazione dei tasselli per la stagione 2018. Il team che potrebbe scatenare un effetto domino e, quindi, condizionare le scelte delle altre squadre è la McLaren, impegnata del doppio e difficilissimo compito di accontentare le richieste del proprio pilota di punta, Fernando Alonso, e di trovare un motorista competitivo e "gradito" all'asturiano.

E' un Lewis Hamilton raggiante quello che sale sul podio di Monza, celebrando il suo 59esimo successo in carriera. Una vittoria che in realtà vale doppio, visto la contemporanea leadership raggiunta in classifica ai danni di Sebastian Vettel, distante ora tre punti. Il Tempio della Velocità brianzolo diventa così terreno di conquista per la Freccia d'Argento, che piazza un sonante uno-due in casa del nemico, dando una prova di forza traducibile nei trentasei secondi rifilati alla prima Ferrari sotto la bandiera a scacchi.

Altri articoli...

Ascolta Radio LiveGP

LiveGP Communication

Advertisement

Utilizziamo i cookies in questo sito per migliorare la tua esperienza di navigazione.

Cliccando su qualsiasi collegamento di questa pagina ci darai il tuo consenso per utilizzare i cookies