Uno degli appuntamenti più attesi dell’anno, la 24 Ore di Spa, è pronta a caratterizzare l’ultimo weekend del mese di Luglio. Ben 64 auto in totale si sfideranno lungo le Ardenne con l’incremento del numero di presenze e di competitività nella classe Pro. Tra le novità l’ingresso della Porsche gestita dal Team 75 Bernhard, la terza Bentley schierata dal Team ABT e la partecipazione del Goodsmile Racing con la Mercedes AMG GT3.

Tra contatti, più o meno duri, penalizzazioni e carambole al via, dal round di Oschersleben del TCR International Series esce vittorioso Gianni Morbidelli, autore della pole position e di due splendide vittorie. Per gli altri solo le briciole: in gara-1 a fare da valletti sono stati Lloyd (su Seat) e Huff (su Volkswagen Golf), mentre in gara-2 ottimo secondo posto per Homola, su Opel Astra, e terzo posto per Vernay che riagguanta la leadership in campionato.

A Budapest il Team Imperiale scala la classifica vincendo Gara 1 con Biagi-Venturini, davanti alla Mercedes di Pierburg-Arnold e alla Ferrari degli sfortunati Ramos-Mac. Gara 2 ha visto trionfare la BMW del Teo Martin con i giovanissimi Rueda-Bouveng, seguiti da Ramos-Mac, su Ferrari, e la coppia Postiglione-Fontana sull'altra Lamborghini del team Imperiale. Male entrambe le Lexus, mai competitive durante tutto il weekend, ed ora il campionato si fa più aperto ed incerto che mai.

Nella puntata numero 177 di "Circus", andata in onda su Radio LiveGP lunedì 26 giugno, abbiamo avuto l'occasione di intervistare Luca Filippi, reduce dall'esperienza al Paul Ricard nel Blancpain GT, a bordo della vettura del team Lazarus. Il pilota piemontese ci ha rivelato anche cosa sta programmando per il suo futuro, senza tralasciare l'esperienza in Indycar, l'avventura in GP2 con il team Coloni e naturalmente lo scontro fra Sebastian Vettel e Lewis Hamilton avvenuto a Baku, domenica in Formula 1.

Quella di ieri è stata una giornata importantissima per Billy Monger. Il diciottenne britannico, dopo il bruttissimo incidente a Donington che gli è costato l’amputazione degli arti inferiori, è già ritornato in pista a distanza di meno di tre mesi dal drammatico evento. Grazie al team BRIT, con il quale corrono anche diversi militari feriti in guerra e partecipante alla Fun Cup, il giovane pilota, sul circuito di Brands Hatch, si è quindi calato nell’abitacolo di un Maggiolone appositamente modificato per chi ha delle disabilità. 

La DPi-V.R sembra inarrestabile e alla 6 Ore di Watkins Glen firma un altro successo, il sesto consecutivo. Stavolta, però, non con il team Wayne Taylor Racing, bensì con l’Action Express Racing che si è conteso il primo posto negli ultimi minuti con la Oreca del JDC-Miller Motorsports. A vincere sono stati Joao Barbosa, Christian Fittipaldi e Filipe Albuquerque. Nella classe GTLM la BMW conquista la sua prima vittoria in stagione, mentre Acura vince per la seconda volta consecutiva. Decisivi i doppiaggi.

La Continental GT3 del team M-Sport riassapora il gusto della vittoria, dopo l’ultima ottenuta alla 1000 km del Paul Ricard 2014: a trionfare è stato l’equipaggio #8 Abril-Soucek-Kane. Secondo posto per la Ferrari 488 #72 del team SMP Racing, mentre l’Audi R8 #1 del team WRT conclude sul gradino più alto del podio. In Pro-Am Cup e Am Cup svettano la Lamborghini #77 del Barwell Motorsport e la Ferrari #888 di Kessel Racing. Il prossimo appuntamento sarà la 24 Ore di Spa (29-30 luglio), ma prima spazio ai test ufficiali (4 luglio).

Altri articoli...

Ascolta Radio LiveGP

LiveGP Communication

Advertisement

Utilizziamo i cookies in questo sito per migliorare la tua esperienza di navigazione.

Cliccando su qualsiasi collegamento di questa pagina ci darai il tuo consenso per utilizzare i cookies