Sergio Perez Red Bull
Sergio Perez visita la factory Red Bull Racing - Credit: (Photo by Mark Thompson/Getty Images) // Getty Images / Red Bull Content Pool // SI202101200087

Sergio Perez ha completato i primi giorni in seno alla Red Bull: presso Milton Keynes il messicano ha avuto l’opportunità di prendere confidenza con la fabbrica. A valle di questo periodo iniziale, il messicano ha rilasciato le prime dichiarazioni ed è stato immortalato nelle prime fotografie con i nuovi colori che vestirà nel 2021.

Una chiamata aspettata a lungo

Perez non è un new kid on the block sulla griglia. Nella sua decennale carriera ha già guidato per Sauber, McLaren e Force India / Racing Point. “Allevato” nelle fila della FDA, il messicano non ha mai incrociato la traiettoria della galassia Red Bull, così come non ha mai avuto una vera opportunità di girare per un team di prima fascia. Checo utilizza un concetto molto forte per esprimere cos’ha provato alla chiamata da parte della scuderia di Milton Keynes: “Ho aspettato per tutta la mia carriera una chiamata da un top team.”

L’effetto del 2020

Il 2020 è stato un campionato dolce-amaro per il messicano. Da una parte le gare saltate a causa del Covid-19 e il contratto in Racing Point / Aston Martin dissolto da un giorno con l’altro, dall’altra la vittoria (lungamente attesa soprattutto dal pubblico messicano) a Sakhir. Un evento chiave nella sua carriera: “Sono dieci anni che corro in F1 e la gente sa cosa aspettarsi da me. (…) Lo scorso anno avevo in mano un pacchetto migliore e quindi sono stato in grado di dimostrare meglio il mio valore.”

La Red Bull e il 2021

Sergio ha avuto la possibilità di entrare in fabbrica per familiarizzare con la scuderia, rimanendo impressionato dal livello di infrastruttura e di organizzazione. In più, il messicano ha dichiarato di aver già svolto qualche prova al simulatore, facendosi un’idea di cosa aspettarsi dalla monoposto. Al momento, stando alle sue parole, la sfida più grande sta nell’imparare quanto più possibile nel tempo limitato a disposizione.

Per quanto riguarda il confronto con il suo compagno di squadra, Checo ha dichiarato: “Conosciamo tutti Max, quanto sia talentuoso, veloce e cresciuto negli ultimi anni. E quanto sia completo ora. È sicuramente uno dei migliori e uno dei più veloci, se non il più veloce in pista con la macchina. È una sfida enorme. In un certo senso, lui è qui da molto tempo, sa di cosa ha bisogno dalla macchina e non vedo l’ora di lavorare con lui e andare avanti insieme come squadra.”

Checo ha dichiarato di non vedere l’ora di scendere in pista. Anche noi aspettiamo quel momento. Una possibile chiave di volta nell’andamento del 2021 sarà proprio rappresentata dai risultati, ma soprattutto dall’alchimia in pista tra i due alfieri della scuderia di Milton Keynes.

Luca Colombo

Leggi anche: F1 | Le pagelle di fine stagione: Red Bull, primi tra gli “umani”

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.