L’Elf CIV fa tappa a Misano Adriatico nel weekend più caldo d’estate: nello splendido contesto della riviera romagnola in pista non è mancato lo spettacolo, anche per gli spettatori che sono tornati numerosi sugli spalti. Federico Caricasulo dopo la rottura con GMT94 nel WorldSSP si prende la rivincita con la sua nuova squadra, che lo accompagnerà anche nel mondiale, vincendo a Misano. Vittoria a Bertelle in Moto3 grazie alla penalizzazione ad Elia Bartolini che così ha perso vittoria, podio e leadership del campionato. Grandissima battaglia in SS300 tra Vannucci e Sofuoglu.

Un sabato caldissimo che ha comunque regalato gare spettacolari al Misano World Circuit “Marco Simoncelli” per il quarto weekend di gara dell’Elf CIV. In attesa della gara di questa sera alle ore 21:30, della SBK sotto i riflettori accesi del circuito romagnolo. Una sorta di gara del Qatar in salsa romagnola con le moto che montano fari in stile EWC. Appassionati e addetti dei lavori vedendo già da giovedì le SBK girare in questo contesto stanno sognando l’approdo del mondiale Endurance sulla riviera romagnola. Tornando alle gare del pomeriggio invece grande spettacolo in tutte le classi con molte battaglie ma sempre molto corrette come sempre accade nella massima serie tricolore.

SS

Nella classe 600 a trionfare è Federico Caricaulo, fresco di cambio di team nel WorldSSP. “Carica” dopo esserdsi separato dal team GMT-94 si è subito accasato nel team Motoxracing e a Misano dove già aveva conquistato la vittoria in gara2 a maggio si prende la seconda vittoria stagionale nell’Elf CIV. Solo Roberto Mercandelli è riuscito a resistere al suo passo ma comunque senza mai riuscire ad attaccarlo. “Merca” dopo il problema al braccio di Imola in gara2 che lo ha costretto a perdere diverse posizioni negli ultimi passaggi a Misano si è ripresentato in massima forma nonostante, come da lui ricordato, non è un pilota a tempo pieno e quindi non può dedicarsi completamente alla preparazione fisica.

Completa il podio Massimo Roccoli, che nonostante le nuove leve siano sempre più aguerrite continua a difendersi alla grande. Scivola a terra alla “variante del parco” Marco Bussolotti, che si era presentato a Misano con la tabella tricolore sul cupolino ma che con questo zero perde la leadership del campionato. Quarta e quinta piazza per Davide Stirpe ed Andy Verdoia, i due insieme a Roccoli si sono giocati il terzo gradino del podio. A spuntarla è stato però il più esperto pilota riminese che con due sorpassi all’ultimo giro si è preso il podio. Sesta piazza per Kevin Manfredi che dopo la doppia vittoria nell’European challenge all’interno del WorldSSP ad Assen qui a Misano si è presentato in ottima forma chiudendo poco distante dal podio.

Settima posiione per un altro Kevin, il rookie due volte campione italino Moto3 Zannoni. Rookie della SS già in gara1 ad imola aveva ben impressionato, confermando oggi i passi avanti fatti sulla 600. Ottavo Stefano Valtulini a sette decimi da Zannoni mentre chiudono la top10 Edoardo Sintoni e Luca Ottaviani.

Moto3

Gara della Moto3 decisa solo dopo la bandiera a scacchi con la penalizzazione di Elia Bartolini che aveva tagliato per primo il traguardo. Il pilota del team Bardhal VR46 Rider Academy e leader del campionato a metà gara è finito sotto osservazione dalla direzione gara per l’eccesso dei limiti della pista. A trarre vantaggio dalla penalizzazione di Bartolini è Matteo Bertelle (Team Minimoto), autore anche del giro veloce di gara che era arrivato a soli 17 millesimmi da Elia. Salgono sul podio Alberto Surra, compagno di squadra di Bartolini, e l’olandese Zonta Van Den Goorbergh con la BeOn 450GP del team D34G Racing di Davide Giugliano. Scende dal podio in virtù del secondo di penalità Elia Bartolini che così perde la leadership del campionato in favore di Bertelle.

Quinta piazza per la wild card dal CEV Moto3, Gomez Salvador David su TM Racing che ha tento alle sue spalle per soli 89 millesimi il compagno di squadra Raffaele Fusco. Per Fusco e Nicola Fabio Carraro, decimo, si tratta di un ritorno nel CIV visto che entrambi come lo spagnolo corrono stabilmente nel CEV Moto3. Settima piazza per Pasquale Alfano con Andrea Giombini ottavo. Si vede retrocedere in nona posizione il giovanissimo Filippo Farioli che è transitato sul traguardo in quinta piazza ma a causa di un secondo di penalità è finito alle spalle di del gruppo.

SS300

Gara incredibile di Matteo Vannucci che scappa insieme a Bahattin Sofuoglu infliggendo quasi nove secondi al terzo classificato in soli 12 passaggi. Vannucci e Sofuoglu si sono scambiati continuamente la posizione in pista sempre nel massimo rispetto e allungando sempre di più sugli avversari. All’ultima curva il pilota turco nipote del 5 volte campione del mondo WorldSSP è passato al comando. Vannucci che ha preparato al meglio l’ultima curva grazie ad una maggiore velocità di percorrenza e grazie alla scia ha passato il pilota turco proprio sulla striscia del traguando. Per Matteo è solo la seconda vittoria stagionale, conquistata per soli 38 millesimi ma vuol dire +51 in classifica. Terza piazza per Leonardo Carnevali che torna sul podio dopo quello conquistato al Mugello in gara2.

Quarta piazza per Francesco Priori che era nel gruppo con Carnevali insieme a Devis Bergamini e Hugo De Cancellis arrivati inseme separati di pochi centimetri. Settimo Omar Bonoli, il giovane ma esperto pilota con esperienze anche nella RedBull Rookies Cup porta la KTM RC390 in Top10 inseme a Nikolas Marfurt, decimo apputno. Tra i due si sono classificati Mattia Martella, ottavo e Marco Gaggi nono.

PreMoto3

La classe d’esordio nel CIV va a Leonardo Zanni che in volata ha regolato Riccardo Trolese che con questa vittoria conquista la leadership del campionato. Sale sul podio anche Cesare Tiezzi che scattato dalla pit line a causa di un problema al motore è riuscito a ricostruire la gara salendo sul podio. Quarta piazza per Jose Salvans Juarez che beffa per meno di un decimo Edoardo Liguori il quale per soli 42 millesimi si tiene alle spalle. Settima piazza per Massimo Coppa davanti a Lorenzo Cavaletto, Giulio Pugliese e Jacopo Villani che nonostante un secondo di penalità non perde posizioni. Out per un problema tecnico l’ormai ex leader della classifica Alberto Ferrandez Beneite.

Trofeo Aprilia RS660

Nel trofeo dedicato alla media sportiva di Noale all’interno dell’Elf CIV a trionfere è stato Alessando Arcangeli con un vantaggio di oltre 4 secondi su Benedetto Rasa diretto rivale alla corsa al titolo. Sul podio anche il colombiano Pablo Echeverry che per tredici millesimi ha battuto Filippo Momesso  e per circa settanta millesimi Francesco Mongiardo. Sesto Lorenzo Sommariva davanti a Lorenzo Bartalesi e Yari Favero. Nona posizione per Matteo Baiocco mentre ha chiuso decimo al suo debutto nella velocità Francesco Cecchini. Il pluri iridato di Flat Trak figlio di Fabrizio, storico capotecnico del Team Gresini Racing che giovedì ci ha raccontato dell’emozione di questo suo debutto nella velocità.

Foto Bonora Agency

Mathias Cantarini

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.