E’ dominio incontrastato Toyota dopo le prime quattro ore di gara della 24 Ore di Le Mans. L’equipaggio numero 7, in pista con Kobayashi, Conway e Lopez, dopo essere scattato dalla pole ha mantenuto costantemente la trsta nella classifica generale, presentandosi al giro di boa del primo sesto di gara con un vantaggio di quasi un minuto nei confronti della vettura gemella #8. Battaglia molto serrata nelle altre categorie, con strategie protagoniste in LMP2 e sei vetture in pochi secondi nella GTE Pro.




LMP1. Il piano Toyota fila liscio come l’olio nella prima parte della 24 Ore di Le Mans. I due equipaggi della casa giapponese, come prevedibile, hanno egemonizzato le prime due posizioni della classifica nel corso delle prime quattro ore, con la #8 che per il momento sembra avere un passo decisamente più competitivo rispetto ai compagni di squadra. Allo scoccare della quarta ora di gara, Kobayashi mantiene un gap di oltre 50″ nei confronti di Alonso, il quale ha effettuato da pochi minuti un pit-stop procedendo anche con la sostituzione del muso della propria vettura. Già doppiata invece la Rebellion #3 di Berthon, la quale precede per una manciata di secondi la vettura del team SMP Racing attualmente in pista con Stoffel Vandoorne.

LMP2. Battaglia molto serrata sin dalle prime battute tra la Oreca #26 del G-Drive Racing e l’Alpine #36 del team Signatech, a loro volta davanti al duo firmato Jackie Chan. Le due vetture di testa si stanno marcando strette, rientrando in pit-lane per la sosta nel medesimo giro. Da segnalare l’uscita di pista, nel corso della quarta ora di gara, della Ligier #49 del team ARC Bratislava, attualmente in fondo alla classifica della categoria. Poca fortuna anche per la Dallara #29 del Racing Team Nederland, costretta a perdere diverse posizioni dopo una foratura che ha anche innescato una fase di FCY.

GTE Pro. Spettacolare la lotta per la testa che coinvolge almeno sei equipaggi. A giocarsela sono la Corvette #63 attualmente in pista con Mike Rockenfeller, la quale precede per una manciata di decimi la Ferrari 488 #51 di AF Corse, con Daniel Serra autore di un bel sorpasso ai danni di Earl Bamber e della sua Porsche 911 #93. In agguato anche la vettura gemella di Vanthoor, così come le Ford del Chip Ganassi, attualmente in pista con Joey Hand e Scott Dixon.

GTE Am. A comandare la classifica c’è la Ford GT #85 del Keating Motorsport, con la Porsche del Dempsey Proton Racing alle sue spalle che tenta la rimonta dopo aver ottenuto la pole con Matteo Cairoli. Terza piazza provvisoria per la Ferrari 488 del JMW Motorsport, subito davanti alla vettura gemella del Weathertech Racing.

Marco Privitera

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.