Alla fine il grande giorno è arrivato: il venerdì che, come di consueto, anticipa la 24 Ore di Le Mans è servito a presentare il nuovo regolamento Hypercar che entrerà in vigore nella Super Stagione 2020/21 del WEC. Dopo vari tentennamenti, retromarce e revisioni, alla fine è scaturito il nuovo regolamento Hypercar: leggermente ritoccato rispetto all’originario per cercare di rendere la classe top più fruibile sia ai costruttori che ai team privati, oltre ad aumentare le presenze in griglia. Proprio per questo il WEC aprirà le “sue porte” sia ai prototipi che alle hypercar derivate dalle vetture stradali, ma a patto che vengano prodotti almeno 20 esemplari in due anni. L’ACO ha spiegato che il suo obiettivo è di creare una categoria più uniforme ed eterogenea, ma allo stesso tempo di cercare di limitare i costi e la relativa escalation di prestazioni.




L’obiettivo è di mantenere questo regolamento stabile per almeno cinque anni, in modo da favorire l’investimento sia da parte dei team più piccoli che dai costruttori, da sempre croce e delizia di questa categoria.
Andando più nello specifico dal punto di vista tecnico le nuove vetture dovranno pesare minimo 1100 Kg e sviluppare una potenza di circa 750 Cavalli; non sarà obbligatorio dotare le auto con sistemi ibridi e, nel caso lo si voglia fare, questi non dovranno superare la soglia dei 200 KW di potenza: nello specifico se montati sull’asse anteriore i motori elettrici si potranno attivare solo dopo i 120 Km/h.
Inoltre i motori endotermici potranno essere derivati dalla produzione o appositamente costruiti per uso racing.
Per quanto riguarda il design, le forme delle vetture dovranno richiamare le quelle delle omologhe stradali, mentre la progettazione della scocca e sottoscocca sarà completamente libera.
Anche dal punto di vista del carburante è previsto un fornitore unico in grado di garantire performance più simili e uniformi fra i vari team.
Sarà introdotto un sistema in stile BoP, già utilizzato nella categoria GTE, proprio per cercare di equiparare le performance delle vetture. L’obiettivo fissato è il tempo di percorrenza di un giro del circuito di Le Mans in 3’30”.

La nuova categoria (denominata anche Hypersport) ha l’obiettivo, secondo il Presidente del FIA Endurance Commission Richard Mille, di rendere la competizione più equa e serrata con un budget più basso rispetto alle attuali LMP1 e soprattutto controllato nel tempo.

A giudicare dalle prime adesioni formali di Toyota e Aston Martin, sembra che il regolamento attiri già le case. Se per la casa nipponica si tratta di continuare il suo programma nel mondo endurance (con un progetto basato sulla GR Super Sport dotata di un sistema ibrido), per l’Aston Martin si tratta di un gradito ritorno: il costruttore inglese farà debuttare nel mondo delle competizioni la sua Valkyrie dotata di un V12 aspirato da 6.5 litri e non è escluso che nel suo impegno agonistico vengano richiamati la Red Bull Advanced Technologies e Adrian Newey nel ruolo di superconsulenti.

Ultima, in ordine di partecipazione, anche la Glickenhaus: il costruttore americano, con base tricolore, ha fatto sapere che dopo la 24 Ore del Nurburgring si focalizzerà sulla prossima vettura che prenderà parte alla 24 Ore di Le Mans del 2020.
La Ford, che terminerà il programma GT proprio in questo weekend, invece è ancora alla finestra per decidere del suo futuro agonistico.

Michele Montesano

Previous articleMotoGP | Flashback, Catalunya 2009: il sorpasso impossibile di Rossi
Next articleRitorna questo weekend il Milano Rally Show
Nato a Potenza nel 1989 (l’anno del primo cambio al volante della F1), studio ingegneria meccanica. Da sempre innamorato delle auto e tutto ciò che le riguarda, fin da piccolo leggevo contemporaneamente Topolino e… Autosprint. Sono un divoratore di notizie riguardo il motorsport qualunque esso sia: F1, Endurance o GT, cerco di informarmi fino allo spasimo. Nonostante abiti in Basilicata, una regione con poca attrazione per le competizioni motoristiche, cerco di vedere il più possibile gare dal vivo anche al costo di macinare chilometri. Amo soprattutto la tecnica e cerco di capire ogni singolo dettaglio di una vettura ed il suo funzionamento d’insieme, sia per quanto concerne l’aerodinamica che per il telaio e motore. Ferrarista dalla nascita ed Alfista da prima di patentarmi, adoro il modellismo sia statico che dinamico. Oltre alla passione per i motori nutro interesse per l’arte, l’architettura ed i fumetti di cui scrivo su artspecialday.com. Il mio sogno sarebbe fare e vivere di motorsport a 360 gradi.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.