Presentato allo stand Motul del Motorbike Expo di Verona il rinnovato Barni Racing Team Ducati per l’Elf CIV 2019 classe Superbike. Confermatissimo il campione italiano in carica Michele Pirro, con al suo fianco il giovane Alex Bernardi (ex DMR Racing BMW). Presente anche Michael Rinaldi, impegnato quest’anno a tempo pieno con la V4R nel Mondiale Superbike.

Rispetto ad un anno fa (lo scorso anno la presentazione si tenne in provincia di Bergamo, ndr), il Barni Racing Team ha scelto lo stand Motul (title sponsor del Mondiale Superbike) al Motorbike Expo di Verona per annunciare il suo programma sportivo 2019: CIV SBK con la Panigale V4, Mondiale Superbike con la V4R e supporto a Luca Conforti con la vecchia Panigale V4 nel National Trophy.

Questo, in sintesi, quanto emerso ieri nella presentazione al cospetto di tutto lo stato maggiore di Motul Italia, per un team Barni che ogni anno si rinnova mantenendo la sua filosofia vincente e continuando a puntare sui giovani, affiancandoli al veterano e pluri-campione italiano Michele Pirro. E proprio dal tuttofare Ducati riparte il programma del Barni Racing Team, al quale viene affiancato Alex Bernardi, lo scorso anno in forza al team DMR BMW.

Da Ferrari (presente insieme a Gresini allo stand Motul) e Cavalieri dello scorso anno, al solo Bernardi come secondo pilota del Barni Racing Team che, come detto poc’anzi, mantiene la tradizioni del pilota giovane al fianco di Pirro che anche nel 2019 sarà impegnato su più fronti tra test MotoGP, le wild card italiane con la Desmo16 GP19 al Mugello e Misano, insieme al tentativo di provare a rivincere il campionato italiano in sella alla nuova Panigale V4.

Ma il team Barni non è solo CIV: è anche Mondiale Superbike e per questo alla presentazione del team c’era anche Michael Rinaldi, “imposto” da Ducati al team italiano al posto dello spagnolo Xavi Fores emigrato nel BSB. Dopo anni di piloti sudamericani e spagnoli, finalmente il team schiererà un pilota italiano nel Mondiale. Per Rinaldi è l’esordio da titolare, dopo le gare europee disputate lo scorso anno con la Panigale dello Junior Team Aruba con la quale ha centrato un ottimo 6° posto a Brno.

Non mancherà per il team Barni anche il supporto a Luca Conforti nel National Trophy, che a differenza dello scorso anno, non potrà contare su una struttura a lui deidcata. Un cambio di filosofia visto il debutto della V4 anche nell’italiano e negli altri campionati nazionali.

Tutto bello ma…la moto? Ebbene sì, grande assente era proprio lei, la V4 con la livrea del team per CIV e Mondiale. Allo stand Motul era presente invece la Panigale V2 con la quale Michele Pirro si è aggiudicato il suo titolo solo all’ultima gara stagionale contro un coriaceo Matteo Ferrari. Chissà se come l’anno scorso ci sarà un evento a parte per svelare la livrea ufficiale della moto, che scenderà in pista nei due campionati…

Ecco qualche dichiarazione raccolta ieri a margine della presentazione con protagonisti Michele Pirro, Alex Bernardi ed il team manager Marco Barnabò:

Michele Pirro #51: “Sono contento perché sarà una stagione interessante su tutti i fronti, soprattutto perché nel CIV ho un nuovo stimolo ed un nuovo obiettivo; arriva una moto, la V4, che segna un cambiamento importante, una moto che somiglia tanto alla MotoGP che guido. Per me è uno stimolo importante e parto con l’idea di fare il massimo. Non è mai scontato vincere, ma cercheremo di fare il massimo come abbiamo fatto negli ultimi anni con Barni per cercare di portare a casa il titolo”

Alex Bernardi #81: “Per me non è un passaggio così clamoroso alla Ducati V4 perché ho sempre guidato 4 cilindri e non ho mai provato la Ducati V2 e non posso fare paragoni. Sarà una nuova sfida perché la moto sarà nuova per tutti e bisognerà svilupparla, Michele ci darà una grandissima mano perché l’ha creata e la svilupperà. Io cercherò di fare il mio cercando di dare il massimo e lavorare bene per la squadra sfruttando il meglio che il Barni Racing Team riuscirà a darmi”

Marco Barnabò – Team Principal: “Due piloti rispetto ai tre dell’anno scorso è una scelta che abbiamo voluto fare per concentrarci di più sullo sviluppo della moto nuova. Avere due piloti ci lascia più tempo per questo lavoro. Nel National appoggeremo e daremo una mano a Conforti però con la moto “vecchia” perché è una moto ancora competitiva e che può dare ancora qualcosa e concentrarci sul campionato italiano con la V4R”

Da Verona – Marco Pezzoni @marcopezz2387

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.